Home > Temi caldi > Trinità > Gesù è il mediatore tra Dio Padre e gli uomini

GESU’ È IL MEDIATORE TRA DIO PADRE E GLI UOMINI

L’Apostolo Paolo, tra le diverse istruzioni e ammaestramenti che ha scritto al giovane Timoteo, ci sono anche queste parole:

Quelle parole di Paolo sono conosciute nella Chiesa soprattutto perché vengono molto citate in riferimento all’idolatria della Chiesa cattolica romana, la quale nei suoi insegnamenti aggiunge altri mediatori tra Dio Padre e gli uomini, ci mette di mezzo i santi e Maria; invece, la Scrittura dice chiaramente che vi è UN SOLO MEDIATORE tra Dio Padre e gli uomini, UNO SOLTANTO, ed è Gesù di Nazareth, il Cristo di Dio.

Perciò, il frapporre tra Dio e gli uomini altri mediatori accanto a Gesù è chiaramente idolatria dal punto di vista biblico, quindi è una cosa falsa, è peccato per il Signore Iddio. Gli idolatri non erediteranno la vita eterna, ma saranno scaraventati all’inferno.

Tuttavia, cari nel Signore, con questo scritto voglio che poniate maggiormente attenzione sul numero delle persone e delle parti interessate in quel versetto biblico che ho riportato sopra.

Vi è una parte, che è Dio Padre; dall’altra, all’opposto, vi è l’uomo che è peccatore; ed in mezzo tra loro ora vi è il MEDIATORE, cioè Gesù Cristo.

Vi è un solo Dio Padre ed anche un solo mediatore, che è Gesù Cristo.

Il significato di mediatore è questo:

“chi s’interpone FRA DUE PARTI cercando di portarle ad essere d’accordo”.

Dunque, Paolo citando un mediatore, egli presuppone che non ci sia accordo e non siano in pace le seguenti parti: Dio Padre e degli uomini. E questa è l’opera della mediazione compiuta da Gesù Cristo: Iddio Padre si è compiaciuto di riconciliare a sé tutte le cose per mezzo di Gesù Cristo, mediante il suo sangue sparso sulla croce, e tutti coloro che sono nati di nuovo, che prima erano estranei e nemici di Dio, infatti vivevano dominati dal peccato e compivano opere malvagie, per mezzo della morte di Gesù Cristo nella croce sono stati riconciliati in Lui, per compiere buone opere ed essere liberati dalla schiavitù del peccato, cessando così di essere nemici di Dio (cfr. Col. 1:19-23).

La Parola di Dio parla del sacrificio compiuto da Gesù Cristo come opera di MEDIAZIONE tra Dio Padre e gli uomini, di conseguenza, essendo Gesù il mediatore delle due parti in contrasto, per forza di cose dobbiamo credere che il Padre e Gesù sono due persone diverse l’una dall’altra, perché un mediatore è una figura terza che promuove la conciliazione tra due parti che si contrappongono, non può essere usato quel termine se le parti in causa non siano almeno tre. Dio Padre, quindi, non può essere anche Gesù Cristro, sono due persone diverse e viventi nello stesso momento, ed insieme allo Spirito santo formano un solo e vero Dio.

Se Gesù Cristo non fosse una persona diversa e distinta da Dio Padre, i discorsi e le parole di Paolo scritte a Timoteo e pure ai Colossesi sopra riportate e richiamate non potrebbero essere corrette. Anche a motivo di questo passaggio biblico riportato, dunque, gli antitrinitariani errano grandemente con la loro falsa dottrina di non accettare l’esistenza distinta del Padre Celeste e dello Spirito santo, accanto al nostro Signore Gesù Cristo, i quali tutti e tre insieme formano UN SOLO E VERO DIO (cfr. Giov. 10:30, 17:22).

Diletti e fedeli nel Signore, vi esorto vivamente a credere a tutto ciò che sta scritto nella Parola di Dio, non si devono prendere solo alcuni versetti per costruirvi sopra una dottrina, ma ciò che ci indirizza nella via giusta che dobbiamo seguire è la “somma della Parola di Dio”, non solo prendendo dei versetti estrapolati e presi singolarmente anche fuori dal loro contesto. Molte sètte e le eresie che esse professano sono nate appunto facendo in quella maniera, prendendo in considerazione solo alcune parole e facendone una dottrina della Bibbia, e scartandone molte altre.

Queste sono cose molto importanti che devono interessare tutti i credenti, e bisogna riflettere attentamente in esse, per imparare a considerare nella maniera giusta i passi della Scrittura e per avere un approccio corretto allo studio della Bibbia.

Perciò, fratelli, badate bene a come ascoltate e badate che nessuno vi seduca con vani e manipolatori ragionamenti.

L’amor mio è con tutti voi in Cristo Gesù.

Giuseppe Piredda


Vai ad inizio pagina.