Home > Temi caldi > Predestinazione > Siamo stati scelti da Dio, non siamo noi che abbiamo scelto Lui  

Siamo stati scelti da Dio, non siamo noi che abbiamo scelto Lui

Non fu Abramo a scegliere di andare via da Charan, ma egli è stato scelto da Dio, e per obbedire all'Eterno se ne andò dal suo paese e dal suo parentado, con sua moglie ed altri (cfr. Gen. 12:1-6).

Iddio scelse il popolo d'Israele, secondo quanto è scritto nel libro della ripetizione della Legge scritto da Mosè:

«Poiché tu sei un popolo consacrato all'Eterno, ch'è l'Iddio tuo; l'Eterno, l'Iddio tuo, ti ha scelto per essere il suo tesoro particolare fra tutti i popoli che sono sulla faccia della terra. L'Eterno ha riposto in voi la sua affezione e vi ha scelti, non perché foste più numerosi di tutti gli altri popoli, ché anzi siete meno numerosi d'ogni altro popolo; ma perché l'Eterno vi ama, perché ha voluto mantenere il giuramento fatto ai vostri padri, l'Eterno vi ha tratti fuori con mano potente e vi ha redenti dalla casa di schiavitù, dalla mano di Faraone, re d'Egitto.» (Deut. 7:6-8)

Iddio scelse i Re d'Israele e di Giuda, i suoi profeti, i suoi sacerdoti, scelse Lui tutti secondo la sua volontà. Non furono gli uomini a scegliere Iddio.

Ciò è confermato anche dalle parole di Gesù quando parlò del fatto che è stato Lui a scegliere i suoi Apostoli, com'è scritto:

«Non siete voi che avete scelto me, ma son io che ho scelto voi, e v'ho costituiti perché andiate, e portiate frutto, e il vostro frutto sia permanente; affinché tutto quel che chiederete al Padre nel mio nome, Egli ve lo dia.» (Giovanni 15:16)

Non solo furono scelti da Dio per essere salvati e diventare così figlioli di Dio, eredi della vita eterna, ma Gesù li scelse anche come suoi ministri predicatori dell'Evangelo.

L'Apostolo Pietro sapeva bene di essere stato scelto dal Signore Gesù Cristo, infatti a Cornelio e alla sua famiglia disse queste parole, quando andò a casa loro per annunziargli l'Evangelo per la fede nel quale furono salvati:

«E noi siam testimoni di tutte le cose ch’egli ha fatte nel paese de’ Giudei e in Gerusalemme; ed essi l’hanno ucciso, appendendolo ad un legno. Esso ha Iddio risuscitato il terzo giorno, e ha fatto sì ch’egli si manifestasse non a tutto il popolo, ma AI TESTIMONI CH’ERANO PRIMA STATI SCELTI DA DIO; CIOÈ A NOI, che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti» (Atti 10:39-41).

Insomma, per dirlo in breve, tutti i credenti ed i ministri di Dio sono stati sempre scelti da Dio in tutte le epoche passate, e così lo sono ancora oggi, e non è avvenuto il contrario, non è successo che sono stati gli uomini ad aver scelto Iddio.

Pertanto, diletti e fedelie nel Signore, riflettendo su ciò che vi ho scritto e riportato in breve, bisogna che comprendiate che ciò che vale per l'addietro è valido anche per i giorni d'oggi, perciò tutti coloro che sono diventati discepoli del Signore e sono stati salvati, o anche sono diventati dei ministri di Dio, è soltanto perchè sono stati scelti dal Signore Iddio, e non è avvenuto al contrario. Noi che abbiamo creduto, dunque, che siamo stati scelti a salvezza da Dio, alla pari di tutti gli altri nel passato, abbiamo l'obbligo di ringraziare e lodare Iddio per la sua misericordia.

A Dio che ci ha chiamati e salvati, siano la gloria, l'onore e la lode, al quale appartengono nei secoli dei seoli. Amen!

Giuseppe Piredda


Vai ad inizio pagina.