| Home > Miei scritti sulla massoneria e gli illuminati |

Come riconoscere uno spirito massonico in mezzo alla Chiesa

Ci sono massoni i cui nomi sono registrati nelle logge, sono i cosiddetti massoni col grembiule; ci sono, inoltre, anche massoni senza grembiule, che però entrambi le categorie di persone hanno lo stesso spirito che li anima, lo stesso modo di parlare, gli stessi obiettivi, e ugualmente sono AVVERSI a quanto è scritto nella Bibbia e si infastidiscono quando un cristiano è assolutamente certo di quello in cui crede che è scritto.

Sentiamo, ora, come parla un massone col GREMBIULE.

Virgilio Gaito, ex Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, ha affermato:

‘… lo spirito vero del massone è quello della tolleranza e della libertà di pensiero. Ho sempre combattuto tutto ciò che era intolleranza e integralismo’ (in Ferruccio Pinotti e Giacomo Galeazzi, Vaticano Massone, Edizioni Piemme, Milano, 2013, pag. 491).

Pertanto, fratelli in Cristo, ora siete in grado di riconoscere LO SPIRITO MASSONICO senza ombra di dubbio.

Vi ricordo che la massoneria è una religione che adora LUCIFERO, che è il diavolo, il serpente antico, SATANA, il nemico della Chiesa di Cristo, quindi dalla bocca dei suoi servitori non possono che uscire parole di odio verso i veri cristiani e contro la Parola di Dio.

I punti più importanti da considerare nel pensiero massonico sono essenzialmente due:

1) TOLLERANZA;

2) LIBERTA’ DI PENSIERO.

Il cristiano non può essere tollerante verso il peccato e verso il peccatore, quindi non può essere considerato TOLLERANTE. Gesù stesso riprese un suo ministro che aveva questo spirito di TOLLERANZA, con queste parole:

«Ma ho questo contro a te: CHE TU TOLLERI quella donna Jezabel, che si dice profetessa e insegna e seduce i miei servitori perché commettano fornicazione e mangino cose sacrificate agl’idoli.» (Apocalisse 2:20).

Quindi, il cristiano non deve essere tollerante con il peccatore ed il peccato, perché ciò farebbe in modo che il peccato abbondi diffondendosi nella Chiesa di Cristo.

Il cristiano deve essere misericordioso, nel senso che se il massone o il peccatore si ravvedono e credono nell’Evangelo, allora è tenuto ad accoglierli con amore e misericordia. Ma se il peccatore non si ravvede e vuole continuare a servire Satana, il suo signore, i credenti ne devono prendere le distanze, in particolar modo se si fanno chiamare cristiani.

Anche per quanto riguarda la libertà di pensiero, è bene sapere che il cristiano non è libero di pensare quello che vuole, e neppure di dare ragione a tutti quelli che hanno il loro peculiare pensiero, perché il cristiano deve avere la mente di Cristo, quindi i pensieri di Cristo, volti al cielo, e non alle cose di questa terra. Il cristiano non è per la libertà religiosa per tutti, perché non vuole che i buddisti, i mussulmani, gli idolatri e altri pagani diffondano le loro eresie e false dottrine e pratiche varie sbagliate, che menano in perdizione milioni di persone.

È per amore della verità e dei perduti nei loro falli e nei loro peccati che il cristiano si oppone alla diffusione di quelle religioni e pensieri che menano in perdizione coloro che vi credono.

Il cristiano deve amare prima di tutto Iddio, con tutto sé stesso, con tutta la sua mente, secondo quanto è scritto:

«E Gesù gli disse: Ama il Signore Iddio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta l’anima tua e con tutta la mente tua.» (Matteo 22:37)

E ancora:

«E non vi conformate a questo secolo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza qual sia la volontà di Dio, la buona, accettevole e perfetta volontà.» (Romani 12:2)

«Poiché chi ha conosciuto la mente del Signore da poterlo ammaestrare? Ma noi abbiamo la mente di Cristo.» (1 Corinzi 2:16)

Cristo Gesù, a cui dobbiamo assomigliare ed avere la sua mente, non si è mai impacciato di politica, non si è battuto per la libertà di ogni pensiero del mondo, e non ha insegnato di fare ecumenismo con i cattolici e con altre religioni pagane, perché la luce non ha niente a che fare con le tenebre.

Per concludere, fratelli nel Signore, siate savi, esaminate bene quale sia la volontà di Dio per la Sua Chiesa, secondo quanto è scritto nella Bibbia.

Tenete d’occhio tutti coloro che parlano di tolleranza e di libertà in mezzo alle chiese, perché il cristiano non deve tollerare il peccato e non è libero dalla legge, ma è sotto la legge di Cristo, che è la vera legge di libertà e che mena alla vita eterna.

La libertà dei MASSONI porta alla schiavitù, perché la libertà di cui parlano i MASSONI e i FILO-MASSONI non è quella del Signore, ma una libertà che porta a peccare e a vivere lontano da Dio, da nemici della croce.

Cari nel Signore, avete ormai conosciuto già da tempo gli strumenti utili per riconoscere la voce e il pensiero del maligno, non fatevi ingannare, quindi, da coloro che vogliono portarvi lontano dalle vie del Signore, con dei pensieri che vogliono farli passare come MOLTO BUONI e giusti, quando invece portano la morte, perché contrari alle sacre Scritture.

Notateli quei tali che sono in mezzo alla Chiesa di Cristo che parlano a favore della MASSONERIA ed hanno uno SPIRITO MASSONICO, perché non sono da Dio, ma fanno la volontà del padre loro, che è il diavolo.

Che nessuno vi seduca con vani ragionamenti e con il pensiero del mondo.

Giuseppe Piredda


Vai ad inizio pagina.