| Home > Miei scritti sulla massoneria e gli illuminati |

Illuminati: il lato oscuro della musica

Dal video (non più visibile): La musica ha il potere di modificare lo stato d’animo della persona.

La musica può agire su di noi attraverso due dei cinque sensi: l’udito e la vista; influenzando un’unica parte del corpo: la mente.”

Negli anni ’60 Jimi Hendrix affermò: tu puoi ipnotizzare la gente con la musica, e quando essa si trova sul punto più debole, puoi predicare al loro subconscio qualunque cosa le vuoi dire.

Emanuele Fardella, blogger e scrittore, dice: questi simboli, prima facevano parte di una cerchia ristretta di ambienti, cominciano a diventare cultura popolare, cominciano a diventare parte integrante della nostra società (l’occhio di Horus, manichini, meccanismi robotici programmati...). Cambiano i titoli, cambiano gli artisti, cambiano i video, ma i simboli proposti sono sempre gli stessi.

Il potere... ha sempre avuto degli scopi di dominio sulla società, il modo più immediato, forse il più semplice per dominare è quello di controllare la mente delle persone. Il mind control, così come viene chiamato, passa attraverso i media, ed è sempre uno dei media più potenti che ha il più forte impatto probabilmente sulle masse è la musica.

Testimonianza di un ex illuminato: Leo Zagami. “Ordo Templi Orientis” è il gruppo che sta al vertice dei musicisti e i produttori discografici. Lo scopo finale degli Illuminati è quella di robotizzare la gente, di non farla pensare.

Adam Kadmon, a parere mio, non è convincente quando difende Lady Gaga col pretesto che ha aiutato gli orfani e gli omosessuali. Basti pensare che la MASSONERIA opera nella società per mezzo di organizzazioni filantropiche per fare del bene all’uomo. Pertanto, stiamo attenti anche a questo Adam Kadmon, che non mi ha convinto per niente, né qui in ciò che ha detto in questo video, nè in un’intervista che gli hanno fatto e che ho visto in un altro video.

Quindi, a voi tutti dico: “Sempre massima attenzione, per non farsi traviare e farsi manipolare nella mente da nessuno.”

Giuseppe Piredda


Vai ad inizio pagina.