| Home > Miei scritti sulla massoneria e gli illuminati |

​​​​​​​​​Forma mentis dei massoni

Ecco cosa scrive Orwell nel suo libro 1984, parole che si attagliano perfettemante alla ‘forma mentis’ dei massoni:

​“il bipensiero implica la capacità di accogliere simultaneamente nella propria mente due opinioni tra loro contrastanti, accettandole entrambe”.

Infatti, i massoni sono uomini del dubbio che mal tollerano chi esprime un pensiero ritenendolo assolutamente l’unica verità, ed è per questo che non sopportano i cristiani fondamentalisti, perché questi credono nella Parola di Dio e quando l’annunziano non accettano nessun parere contrario, perché la Parola di Dio è verità.

La mente massonica non solo soffre della grave patologia del ‘bipensiero’, come ben spiegato da G. Orwell nel suo libro, ma si può dire che soffrano anche di quella del ‘tripensiero’ e via oltre, perché fanno convivere e accettano nella loro mente molte opinioni, tra loro contrarie, ma le ritengono simultaneamente tutte valide e veritiere. Ciò a casa mia viene definita confusione mentale. Se il palloncino è bianco, non può essere contemporaneamente nero, ed avere ragione entrambi. Ciò va anche contro il principio della logica che afferma che la tesi e l’antitesi non possono avere ragione entrambe, non possono essere verità entrambe.

Eccovi mostrato, quindi, il modo di pensare e di ragionare dei massoni. Chi li sente parlare non sentirà altro che “CONFUSIONE”, perché sono maestri di confusione, e della confusione ne hanno proprio fatto un motto: “Ordo ab Chao” (L’ordine si ottiene creando il caos). Per ora stanno creando il caos dappertutto, dovunque giungano a mettere mano, poi per l’ordine qualcuno ci penserà.

Guardatevi dai massoni, fratelli nel Signore, mettete tutti quelli con cui avete contatti alla prova e se vedete che qualcuno ha la forma mentis massonica, fuggite da costui e guardatevi da lui.

Che Dio benedica il suo popolo e lo preservi da ogni seduzione.

Giuseppe Piredda


Vai ad inizio pagina.