| Home > Miei scritti sulla massoneria e gli illuminati |

Commistione massoneria-Chiesa: Satana non caccia Satana

Ho potuto constatare più volte che a molti credenti dà enormemente fastidio che la loro comunità, il loro presidente, la loro denominazione sia accostata alla Massoneria. Costoro scrivono, sbraitano, imprecano contro i nostri articoli che mostrano ciò che a loro dà fastidio.

Ma io voglio dire a costoro, che le prove da mettere in campo in modo visibile a tutti sono molto semplici, ad esempio, dite ai vostri dirigenti e capi che RENDANO TESTIMONIANZA PUBBLICA del fatto che la MASSONERIA è dal DIAVOLO e da cui OGNI FRATELLO in Cristo si deve guardare e stare lontano.

Ciò sarebbe già un buon inizio, una buona reazione, mostrando IN SINCERITA’ il proprio DISSENSO PUBBLICAMENTE nei confronti della massoneria, che è una religione del diavolo, affinché lo leggano tutti, MASSONI e CRISTIANI, e risulti ben chiara la loro posizione.

Ma ciò non avviene, ed io credo che ciò non avvenga per motivi ben precisi. Quindi, non possono costoro pretendere da noi di non associare alla massoneria i loro dirigenti, se LORO PER PRIMI non vogliono DISTACCARSI dalla massoneria per mantenerseli amici e non farseli nemici.

Così stanno le cose, in modo semplice e intuitivo. C’è un motivo per ogni cosa, anche per tacere di fronte agli attacchi del diavolo alla Chiesa per mezzo della massoneria.

Le loro azioni, o meglio, la loro mancanza di AZIONE CONTRO LA MASSONERIA, testimonia contro di loro. Infatti, si avvera chiaramente quanto ha detto Gesù:

«E se Satana caccia Satana, egli è diviso contro se stesso; come dunque potrà sussistere il suo regno?» (Matteo 12:26)

Cacciate dunque Satana dal mezzo vostro, cacciate i massoni da dentro le vostre organizzazioni e comunità, perché solo allora dimostrerete di non essere filo-massoni. Ma se non li cacciate, voi dimostrate chiaramente che li volete come vostri amici, e si avverano le parole di Gesù, che Satana non caccia mai Satana.

Fratelli nel Signore, guardate che nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda


Vai ad inizio pagina.