| Home > Miei scritti sulla massoneria e gli illuminati |

Chi sono i burattinai nel mondo ed anche all’interno delle Chiese Evangeliche?

State attenti fratelli nel Signore, purtroppo, all’interno delle Chiese Evangeliche, sono penetrati di soppiatto degli uomini malvagi col “grembiulino” che portano avanti dei principi diabolici e, in molti hanno accolto il loro nuovo messaggio di evangelizzazione che non è biblico.

Inoltre, la loro opera devastante raggiunge l’apice con il tentativo, che nei confronti di molti è riuscito, di allontanare i santi dalla Parola di Dio, facendo loro perdere la piena fiducia in essa. Inoltre, agiscono in modo da togliere dai vari discorsi la persona di Gesù Cristo, eliminando in particolare il fatto che Lui è morto sulla croce ed ha sparso il suo sangue per la remissione dei peccati.

Ancora, portano avanti il principio della libertà di condursi come a ciascuno meglio pare bene, contrariamente a quanto è scritto nella Bibbia. Facciamo un esempio, i massoni-evangelici non parlano contro l’adulterio, la fornicazione e l’omosessualità, che nella Bibbia sono definiti dei peccati gravi, e chi non si ravvede e non li abbandona, sarà di certo scaraventato all’inferno.

Le loro parole tendono sempre a mettere “l’uomo” al centro di tutto, infatti, si scagliano in modo potente contro coloro che predicano la dottrina della predestinazione, perché in tale maniera tutta la gloria va a Dio soltanto, e l’uomo viene tolto dal centro del creato.

Un altro modo per riconoscere questi massoni-evangelici, è che parlano ecumenismo, di dialogo interreligioso, cercano, insomma di far unire e alleare i credenti al mondo, i santi ai peccatori, i discepoli di Cristo ai seguaci di Budda, del Papa, e di altri personaggi che nulla hanno a che fare con la luce della Parola di Dio, e lo fanno in maniera che devono essere trattati come fratelli, da pari a pari. I peccatori sono perduti nei falli e nei peccati, e vanno solo esortati a ravvedersi ed evangelizzati, non vanno di certo coccolati e fatti sentire dei fratelli, perché non lo sono assolutamente. La Bibbia ci insegna che figli di Dio si diventa con la Nuova Nascita, e fino a quando un uomo non è nato di nuovo, non può essere chiamato nostro fratello, semplicemente perché non ha Dio come Padre, ma rimane solo come suo Creatore, ma non Padre.

Cari nel Signore, vi facciamo sapere queste ed altre cose, affinché impariate a combattere insieme a noi la buona guerra spirituale, per riportare tutti i credenti che sono stati distolti dalla Verità, a seguire nuovamente Cristo Gesù con tutto il loro cuore e a credere a tutto quello che è scritto nella Bibbia. Ognuno faccia la sua parte, secondo la grazia che Dio gli ha dato, ma lo faccia, perché siamo in guerra non in vacanza su questa terra.

Andiamo avanti fratelli nel Signore, stiamo vedendo che oggi le tenebre stanno arretrando, a motivo del ritorno al centro della predicazione del messaggio dell’Evangelo, che faremo a predicare di continuo, e i massoni-evangelici, i falsi, gli ipocriti sono sempre di più in difficoltà, perché non possono più agire indisturbati nell’ombra, e le loro parole e la loro condotta manifesta chiaramente che “indossano i grembiulini”, o di fatto o nella loro mente e nel loro cuore.

A Dio sia tutta la Gloria, perché anche in questi momenti difficili della corruzione e sviamento della Sua Chiesa, non ci ha lasciati soli, sta andando in battaglia davanti a noi, come un prode condottiero, e ci sta aprendo la strada alla vittoria. Avanti, dunque, non fermiamoci, con costanza e fermezza, e con pienezza di convinzione, continuiamo a fare quello che Dio ci richiede, per il bene della Chiesa di Cristo, per difendere l’Evangelo e manifestare e svergognare questi burattinai che vogliono governare tutto delle persone della faccia della terra, anche il loro credo.

A Gesù Cristo, che sempre ci porta in trionfo e nella vittoria nelle nostre battaglie, siano la Gloria, l’onore e la lode, nei secoli dei secoli. Amen!

Giuseppe Piredda


Vai ad inizio pagina.