Home > Temi caldi > Velo > Una esortazione alle sorelle in Cristo a mettere il velo..

Una esortazione alle sorelle in Cristo a mettere il velo sul capo quando pregano o profetizzano

Sorelle nel Signore, vi esorto a leggere, a meditare e poi ad attenervi al comandamento sul velo, secondo quanto ha scritto Paolo nella prima epistola ai Corinzi al capitolo 11.

Ricordatevi, sorelle nel Signore, che mettere un VELO di stoffa SUL CAPO quando pregate o profetizzate, non è la stessa cosa che portare la CORONA DI SPINE che ha portato sul capo Gesù. Gesù ha portato quella corona di spine, voi dovete portare solo un velo sul capo quando pregate o profetizzate. Della corona di spine portata da Gesù è scritto:

«E i soldati, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo, e gli misero addosso un manto di porpora; e s’accostavano a lui e dicevano: Salve, Re de’ Giudei! e gli davan degli schiaffi.» (Giovanni 19:2-3)

Sorelle, domandatevi questo: ma se non riuscite a portare un po’ di stoffa sul capo, e vi agitate e vi ribellate contro tale comandamento di Dio, come potreste un giorno sopportare una CORONA DI SPINE SUL CAPO COME FECE GESU’?

Se non sopportate i comandamenti di Dio, badate che non perdiate la promessa DELLA VITA ETERNA e la CORONA DELLA VITA. Infatti la Scrittura dice:

«Non temere quel che avrai da soffrire; ecco, il diavolo sta per cacciare alcuni di voi in prigione, perché siate provati: e avrete una tribolazione di dieci giorni. Sii fedele fino alla morte, e io ti darò la corona della vita.» (Apocalisse 2:10)

Qualcuna di voi potrebbe pensare che non è il velo che salva, tuttavia il velo sul capo mette in chiara evidenza quello che una donna cristiana ha nel SUO CUORE: RIBELLIONE se vi rifiuta di indossarlo sul capo; manifesta UNO SPIRITO BENIGNO E PACIFICO se invece lo usa. Giudicate, dunque, da voi stesse quello che dovete fare. Sappiate questo, che per i servitori di Dio che si conducono secondo le Scritture, le sorelle in Cristo che non usano il velo sono donne ribelli, e come tali saranno considerate.

Facciamo un esempio, se un automobilista non mette le cinture di sicurezza nella macchina non è forse ribelle nei confronti delle autorità? E cosa succede se l’autorità trova in flagrante l’automobilista senza cintura? Viene multato, paga la correlativa pena della sua ribellione alle autorità costituite da Dio.

Ebbene, la medesima cosa vale per quelle sorelle che contraddicono il comandamento di Dio sul velo, esse disconoscono prima di tutto un comandamento di Dio, in secondo luogo sono ribelli nei confronti dell’autorità che Dio ha stabilito che stia sopra di loro, secondo quanto è scritto:

«Ma io voglio che sappiate che il capo d’ogni uomo è Cristo, che il capo della donna è l’uomo, e che il capo di Cristo è Dio. Ogni uomo che prega o profetizza a capo coperto, fa disonore al suo capo; ma ogni donna che prega o profetizza senz’avere il capo coperto da un velo, fa disonore al suo capo, perché è lo stesso che se fosse rasa. Perché se la donna non si mette il velo, si faccia anche tagliare i capelli! Ma se è cosa vergognosa per una donna il farsi tagliare i capelli o radere il capo, si metta un velo.» (1 Corinzi 11:3-6)

Sorelle nel Signore, per il vostro bene e per il bene della via della Verità affinché non sia bestemmiata, quando pregate o profetizzate mettetevi un velo sul capo. Ma non mettetelo in maniera ridicola o forzata, ma in maniera corretta, che vada da sopra la fronte fino dietro ai capelli, di una lunghezza e grandezza sufficiente a coprire tutto il capo. Fissatelo bene sopra i capelli o sotto il mento legandolo se volete, al fine di impedire che scivoli dal capo sulle spalle, come purtroppo ho potuto vedere che delle sorelle fanno. In quest’ultimo caso, si dimostra poca attenzione al comandamento sul velo dato dal Signore affinché sia rispettato, e non deriso o ridicolizzato. Inoltre, ricordatevi che dovete metterlo non tanto perché è un uomo, il pastore che ve lo impone, ma dovete indossarlo perché ve lo chiede il Signore Iddio, Colui che ha fatto i cieli e la terra. A Dio sia tutta la gloria, l’onore e la lode, nei secoli dei secoli. Amen!

Che Dio benedica tutte le sorelle in Cristo, le sostenga e dia loro sapienza e intelligenza in ogni cosa.

Nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda


Vai ad inizio pagina.