Home > Per non dimenticare > chi viene battezzato con lo Spirito viene riempito della gloria di Dio

Parlare in altre lingue:

«Ripieno della gloria di Dio»

Prima della mia prima visita alla Missione di Azusa Street, avevo sentito molte storie contraddittorie sul quel posto, e nonostante a quel tempo desideravo ardentemente le cose di Dio più profonde, pure nella mia semplicità non sapevo come raggiungere il livello dei primi Cristiani, perché era come se nessuno fosse salito più in alto o non sapesse dirmi come fare per raggiungerlo. Sapevo che la mia esperienza mancava della vita Pentecostale, in qualche modo ognuno pareva così privo di potenza. Per quanto mi concerneva, fino a quel tempo ero vissuto all’altezza dei limiti e della conoscenza che io avevo ricevuto. Ero stato miracolosamente guarito dal Signore tre volte, e la mia testimonianza viene spedita da altri in ogni stato dell’unione come pure all’estero. La mia famiglia aveva ricevuto le medesime benedizioni e tutti servivano il Signore, cosicché io avevo molte cose per le quali ringraziare e lodare Dio.

Giunse un tempo nella mia esperienza, dopo un attento studio della Parola di Dio, che io capii che c’erano delle cose più profonde in serbo per me, ma io non sapevo come e dove dovevo ricevere quella opera di grazia. Dopo avere sentito parlare dell’opera alla Missione pensai: ‘Se quello che mi è stato detto è vero, a proposito delle operazioni dello Spirito Santo e del come lo Spirito Santo è sceso su coloro che hanno creduto e come i beneficiari sono stati rivestiti di potenza dall’alto, la quale potenza li ha fatti parlare in altre lingue secondo che lo Spirito dava loro d’esprimersi’ allora quello è il posto per me e conclusi che il giorno del Signore successivo (n.d.t. il fratello intende dire ‘la domenica successiva’), che cadeva il 10 Giugno, io avrei frequentato la riunione e avrei visto da me.

Sin dalla prima volta che entrai in quel luogo fui colpito dallo spirito benedetto che predominava nella riunione, un tale sentimento di unità e di umiltà tra i figli di Dio. E prima che la riunione terminasse, io rimasi pienamente soddisfatto e convinto che era la potenza di Dio che stava operando. Da quel tempo in poi bramai sempre di più le cose più profonde di Dio e avvertivo che non avrei potuto essere appieno soddisfatto fino a che le benedizioni della vita Pentecostale non fossero state mie.

Mentre aspettavo Dio, mi fu rivelato che non potevo ottenere quelle benedizioni attraverso la mia esperienza passata e, per così dire, dovevo ricominciare. Io vi dico che se ero mai stato convinto lo ero proprio allora. Affidai tutto a Dio senza nessuna riserva. Inutile dire che io ricevetti una testimonianza della mia santificazione subito dopo. Nonostante l’agonia della mia anima era stata a volte così grande che potei a malapena sopportarla, Dio mi diede la grazia di sopportarla. Da quel tempo io mi resi conto che ero pronto per la mia Pentecoste, e ogni qualvolta ne ebbi l’opportunità mi presentai all’altare (n.d.t. davanti al pulpito) in pubblico come pure in privato, ricevendo spesso delle unzioni dopo avere fatto così.

Martedì 5 Marzo partecipai alla riunione ricercando per alcune ore la mia Pentecoste ma invano, e pareva che essa fosse lontana come sempre. Quando tornai a casa passai un po’ di tempo in comunione con alcuni membri della mia famiglia, la qual cosa mi ristorò un po’. Dopo di ciò, durante la serata decisi di visitare i miei vicini per alcuni momenti, i quali erano dei fratelli in Cristo che avevano ricevuto la loro Pentecoste. Mi era stato detto che anche il fratello H. Smith era là. Dopo una breve visita, acconsentimmo a passare un po’ di tempo in preghiera prima di lasciarci. Prima che la cosa fosse stabilita, il fratello Smith rimarcò che probabilmente il Signore mi avrebbe mandato la mia Pentecoste. Assomigliavo ad un uomo che si aggrappava a tutto e immediatamente un raggio di speranza entrò dentro la mia anima e dissi dentro di me: ‘Sì, Signore, manda il Tuo Spirito ora’. Un po’ alla volta sentii la potenza cadere su me. Per farla breve, dopo poco tempo io stavo parlando in altre lingue, e non posso raccontare in parole quella esperienza avuta allora, perché le parole non riuscirebbero ad esprimere il significato divino che quella esperienza ha per la mia anima. Parlai in lingue per quasi tre ore e glorificai Dio con esse. Durante quel tempo Dio mi rivelò molte cose che per il momento non riferirò. Non pensavo che un essere umano potesse essere riempito in questa maniera della gloria di Dio. Ora comincio a comprendere assieme a tutti i santi quale sia la larghezza e la lunghezza, e la profondità e l’altezza dell’amore di Cristo, e a conoscere questo amore che sorpassa ogni conoscenza, affinchè possa essere ripieno di tutta la pienezza di Dio.

Louis Osterberg

Testimonianza tratta da: The Apostolic Faith [La Fede Apostolica], Vol. I N. 7, Los Angeles, Cal. Aprile 1907


Vai ad inizio pagina.

Se vuoi commentare brevemente su questo argomento, compila il modulo, metti in modo corretto e veritiero tutti i dati richiesti, nell'oggetto il titolo dello scritto a cui intendi riferirti, stando attento a non sbagliare l'indirizzo e-mail, e invialo.

Se il tuo commento sarà ritenuto utile e costruttivo all'argomento in questione, sarà aggiunto tra i commenti qui sotto.

Clicca qui per compilare il modulo e inviare il tuo commento