Home > Per non dimenticare > Roma Papale > Lettera sedicesima

Potenza del denaro

Nota 11. alla lettera sedicesima di Roma Papale 1882

Anche i dommatizzanti possono ordinariamente ottenere qualche sollievo per mezzo dei carcerieri; ma quei sollievi costano assai cari. Ogni carceriere ha una piccola biblioteca di tutti libri approvati dai Reverendi padri, e questi libri li presta ai carcerati mediante buon pagamento. Si prestano anche a fare alcuni servizi personali ai carcerati, purchè non si tratti di portare ambasciate, o biglietti, o notizie di qualunque genere. Il danaro è così potente che anche nell' inesorabile Inquisizione fa sentire la sua forza.

« Nota precedente | Lettera | Nota successiva »