Home > Per non dimenticare > Roma Papale > Lettera quattordicesima

Istruzione che dànno

Nota 5. alla lettera quattordicesima di Roma Papale 1882

Abbiamo già detto nella nota I, alla lettera duodecima, perchè il clero voglia la ignoranza del popolo. Finchè essi han potuto, han predicato e predicano che la scienza è la rovina della religione e della società. Ma quando la corrente del progresso ha talmente ingrossato; essi non hanno potuto più impedire il suo libero corso, e si sono messi a correre con lei per guidarla, e giungere così a dominarla ed arrestarla.

Un fatto poco avvertito nella storia è il seguente. Fino al secolo XVI, il clero non aveva mai pensato alla istruzione del popolo; ma quando il principio della riforma religiosa, proclamò la necessità di leggere la Bibbia; quando si aprirono le scuole popolari, rese possibile per la invenzione della stampa; quando i riformatori per i primi si servirono della stampa per pubblicare operette ad uso del popolo; allora il clero, non potendo più reggere contro la corrente, finse secondarla, per prendere egli il monopolio dell'insegnamento. Si videro allora sorgere nuovi istituti religiosi che avevano per iscopo l'istruzione: allora vennero i gesuiti, il cui scopo primitivo era insegnare il catechismo ai bambini ed ai contadini, per tenerli fermi nella ignoranza. Non poterono arrestare la corrente, e cangiarono scopo; s'introdussero nelle università, aprirono collegi, e tentarono impadronirsi della pubblica istruzione. Non bastando soli a tanta bisogna, sursero gli Scolopi, poi i Somaschi, poi i Dottrinari; poi finalmente gl'Ignorantelli, e le monache Orsoline, e quelle del S. Cuore, e quelle del Buon Pastore; per impadronirsi quanto più potevano della istruzione, per dirigerla al loro scopo.

Ma quale è lo scopo della istruzione che dà il clero? Eccolo. Fino al secolo XVI, il clero si era servito del poco sapere che era esclusivamente a lui riservato, per stabilire le dottrine della Chiesa romana: quelle dottrine sono condannate ad un inevitabile naufragio per i progressi del sapere. Scopo del clero fu salvarle da quel naufragio; e, per giungere a tale scopo, si servì di due mezzi: il primo di fare di tutto per sostenere quelle dottrine: ma ciò era impossibile alla scienza; quindi si usò la forza della coscienza ingannata. Si disse che la scienza se non è guidata dalla religione (e per religione si deve intendere il papismo) è eccessivamente dannosa: a tale effetto se si sollevava sopra il clero uno scenziato, era condannato; esempio il nostro Galileo. Si fece l'indice de' libri proibiti, e si fulminò scomunica contro chiunque leggesse o ritenesse semplicemente un libro notato in quell'indice; il quale conteneva e contiene quanto di buono, quanto d'istruttivo è stato pubblicato, non conforme agl'insegnamenti di Roma. Allora s'inventò la condanna delle proposizioni estratte da' libri; allora si fecero gl'indici espurgatori, ne' quali si guastarono tutte le opere degli antichi, compresi i santi Padri, togliendo tutto quello che era contrario a Roma, e falsificando, ed aggiungendo.

L'altro mezzo di cui servì e si serve il clero insegnante per giungere al suo scopo è l'insegnamento intralciato ch'egli dà. Chi conosce le scuole del clero sa che per l'insegnamento ricevuto in esse non esce mai un vero scenziato. Osserviamo i Gesuiti: vi è fra loro un qualche uomo celebre nelle matematiche, vi sono de' celebri teologi: ma dove è fra essi un filosofo, un geologo, un uomo profondo nelle scienze naturali? Inoltre il loro insegnamento non è diretto a sviluppare le facoltà intellettuali, ma ad avvilupparle ne' metodi del medio evo, ed a disgustare i giovani della conoscenza vera, facendoli contenti di una conoscenza falsa, ma inorpellata di vero.

Esaminiamo brevemente il metodo d'insegnamento che usano in Roma i Gesuiti nel celebre loro Collegio Romano, cioè nella Università Gregoriana.

Sono ammessi in quella scuola i fanciulli della età di sette anni, appena sanno un poco leggere e scrivere, e sono subito messi allo studio del latino. Si pone loro in mano la grammatica del P. Emanuele Alvaro, con la quale s'insegna il latino per mezzo del latino. Il povero ragazzo è obbligato a studiare alla guisa de' pappagalli senza comprendere una parola. Se il ragazzo lavora molto, dopo un anno passato nella prima scuola che si chiama infima, passa alla seconda che si chiama infima superiore. Seguendo lo stesso metodo, può, facendo grandi sforzi, cosa che riesce a pochissimi, dopo un altro anno, passare alla media. Il quarto anno, se ha molto faticato, passa alla suprema, ove bisogna che vi passi ordinariamente due anni. Ed ecco cinque lunghi anni perduti per un poco di grammatica latina! ed è a notarsi ancor questo, che dalle scuole del Collegio Romano non è ancora uscito un buon latinista. I latinisti che sono in Roma, non sono gli allievi de' Gesuiti.

Il sesto anno si passa in umanità, ove si sta due anni, studiando, cioè traducendo in italiano ed imparando a memoria, le elegie di Ovidio, alcuni libri dell'Eneide, e qualche altro classico. Il secondo anno di umanità, si ripete quello che si è fatto nel primo. L'ottavo anno di studi si passa in rettorica, ove si spiegano le istituzioni del P. Decolonia, le orazioni di Cicerone, e qualche ode di Orazio. In rettorica parimente si resta ordinariamente due anni: così si passano nove lunghissimi anni nello studio della lingua latina. Non mai in tutto quel tempo s'insegna nè la lingua italiana, nè la geografia, nè la storia, nè i principii di geometria, nè i principii di storia naturale; nè altro: basta avere appreso un po' di latino.

Così si passa in filosofia. Cosa deve apprendere in filosofia un povero giovane, il quale crede saper molto perchè sa recitare degli squarci di Cicerone e di Virgilio; ma che in sostanza non sa nulla perchè mancante di que' principii elementari che guidano alla scienza, perchè il suo intelletto è stato mutilato da quegli stupidi studii preparatorii? Egli si trova in una confusione, e non può orizzontarsi un poco, che dopo alcuni mesi, se ha buone disposizioni.

La filosofia s'insegna da' Gesuiti in questo modo. Il professore detta in latino per mezz'ora la lezione di quel giorno, per un'altra mezz'ora ne fa, sempre in latino, la spiegazione. Ogni settimana, si fa un giorno di esercizio accademico in latino; ed ogni mese, un esercizio più solenne al quale intervengono i professori. L'esercizio consiste più in giuochi di parole che in sostanza; perchè deve essere fatto nella rancida forma sillogistica del medio evo. Le scuole di filosofia durano due anni, dopo de' quali si riceve la laurea, e que' poveri giovani credono di essere filosofi. Cosa s'insegna in que' due anni? Molto, ed appunto per ciò nulla: è una illusione per mutilare la scienza, acciò non porti danno alla religione. Ecco quali sono le cose che s'insegnano in que' due anni. La logica, o a meglio dire la dialettica; perchè non s'insegna l'arte di ragionare, ma l'arte d'inviluppare il raziocinio nelle forme sillogistiche del medio evo: la metafisica, che consiste nella psicologia, e teologia naturale. La psicologia si occupa a provare la spiritualità, la libertà, e la immortalità dell'anima; la teologia naturale, la esistenza di Dio, la provvidenza, e la necessità della religione: e questa è la metafisica.

S'insegna oltre a ciò l'etica, ossia la filosofia morale, la fisica, la fisico-chimica, la fisico-matematica, la chimica, la geometria, la trigonometria, la meccanica, l'algebra, la matematica, l'astronomia, il calcolo differenziale, il calcolo integrale: tutte queste cose s'insegnano in latino, e nello spazio di due anni se ne diviene dottori. Chi conosce la scienza giudichi se non è questo il modo d'insegnare allo scopo di propagare la ignoranza, fingendo insegnare la scienza!
Vai ad inizio pagina.
« Nota precedente | Lettera | Nota successiva »