Home > Per non dimenticare > Roma Papale > Lettera undicesima

Cosa è un precetto?

Nota 14. alla lettera undicesima di Roma Papale 1882

Il vicariato fa i processi in via economica, e giudica le cause senza la presenza del prevenuto; esso è ascoltato solamente dal giudice istruttore. Questo tribunale ha trovato il segreto di condannare anche alla galera le persone senza alcun delitto, eppure le condanna legalmente. Ecco qual è questo segreto. Una moglie gelosa, per esempio, non vuole che il suo marito frequenti una casa; manifesta i suoi sospetti, ingigantiti dalla gelosia, al parroco; questi ne informa il vicariato, il quale ingiunge a quell'uomo, senza dirgli il perchè, di non andare più in quella casa sotto pena di sei mesi o un anno di carcere o galera, secondo l'eminentissimo arbitrio. Questa ingiunzione si chiama precetto. Se infrange il precetto, non si verifica se vi andava a cattivo fine, o se vi ha commesso del male, ma incorre la pena del precetto, ed è legalmente condannato per infrazione di precetto. Ho citato questo esempio, ma i precettati sono molti, ora ad istanza delle mogli, ora de' mariti, ora de' parenti, ora sul semplice ricorso del parroco.

« Nota precedente | Lettera | Nota successiva »