Home > Per non dimenticare > Roma Papale > Lettera undicesima

Le veglie romane

Nota 3. alla lettera undicesima di Roma Papale 1882

Cosa sono le veglie degli ecclesiastici in Roma? Chi scrive le ha per molti anni frequentate ogni sera, e parla per fatto proprio. Non vi sono a propriamente parlare nè veglie particolari in dato giorno, e con invito per gli ecclesiastici, nè veglie nelle quali non vi sieno che ecclesiastici; ma vi sono parecchie case nelle quali gli ecclesiastici con de' bigotti si uniscono a veglia. Ogni sera il prete vuole la sua veglia; ogni prete ha le sue tre o quattro case nelle quali alternativamente va a passare la serata. Qui si parla dei preti buoni, dei preti edificanti; non di coloro che passano le loro serate in conversazioni che i preti stessi chiamano indecenti.

Vi è qualche canonico, qualche P. Reverendissimo di qualche convento, che apre ogni sera il suo salotto ai preti ed ai bigotti amici o presentati; ed in queste serate non si giuoca alle carte, ma si fa conversazione. La conversazione consiste in questo: ognuno procura di raccogliere nel giorno fatti e cronachette più o meno scandalose, ma sempre ridicole, per eccitare il buon umore nella conversazione: da tali racconti ne nasce ordinariamente la mormorazione. In altre case, e sono nel maggior numero, si tiene giuoco: ed allora le donne di casa, le mogli dei bigotti, le sorelle o nepoti de' preti, insieme co' vecchi, si riuniscono in una camera ed intorno ad una gran tavola giocano alla tombola. In un'altra camera sono i preti ai tavolieri a giocare o al tre sette o alla calabresella. Finita la serata che dura ordinariamente tre ore, si fanno i conti delle vincite e delle perdite, secondo le marche, si paga, e si va a casa.

In queste serate non vi è mai rinfresco, se non che nel giorno della festa del padrone di casa, o in qualche straordinaria circostanza. In esse passano le loro serate i preti più santi e più zelanti di Roma. I prelati poi, specialmente quelli della carriera diplomatica, giuridica, ed amministrativa, vanno a passare le loro serate nei saloni dell'aristocrazia, e quelle veglie non sono tanto innocenti.

Vai ad inizio pagina.
« Nota precedente | Lettera | Nota successiva »