Home > Per non dimenticare > Roma Papale > Lettera ottava

Parrochi bastonati

Nota 10. alla lettera ottava di Roma Papale 1882

In prova di quello che qui accenna il nostro parroco, addurremo alcuni pochi fatti accaduti in Roma al nostro tempo.

Il P. Jacobini, parroco de' SS. Vincenzo ed Anastasio a Trevi, fu avvisato da una delle sue devote spie che nel pianterreno della casa A. in via Rasella era andata ad abitare una donna di cattiva vita: egli la notte andò per verificare la cosa, e, giunto pian pianino alla porta della casa indicatagli, si pose a guardare dal buco della toppa. Realmente un uomo era dentro; ma il compagno era in una porta di una casa vicina aspettando, e si teneva celato per non essere veduto. Quando vide il parroco in quella postura, andò pian pianino dietro a lui ed appoggiò sulla nuca del parroco un colpo così forte, che questi urtò di gran forza col viso contro la porta, e ne riportò contusioni e ferite. L'uomo che era dentro credendo che fosse la forza, corse ad aprire, e vedendo che invece era un prete gli diè il resto; e male sarebbe finita per il mal capitato parroco, se non si fosse raccomandato alle gambe.

Il parroco di S. Maria in Traspontina una notte travestito volle andare a sorprendere una sua parrocchiana. Entrò nella casa di lei, e la trovò con un uomo del popolo, il quale dato di piglio ad un randello incominciò a picchiare, gridando: Al ladro. Il povero parroco diceva: "Fermati, sono il curato." Ma il popolano picchiava più forte dicendo: "Non è vero, il nostro curato è frate, tu sei un ladro;" e picchiò finoacchè accorsero gente a levarglielo di mano. Il parroco fu condotto al convento (era frate carmelitano) così malconcio, che restò storpio per tutta la sua vita. Visse ancora sedici anni, ma senza potersi muovere dalla sua poltrona.

Il parroco di S. Pietro in Vaticano fu una notte percosso così orribilmente (con sacchetti lunghi a guisa di randelli ripieni di sabbia) sul petto e sul ventre, che fu lasciato morto sulla via; condotto in casa, visse ancora tre giorni, poi morì.

Il parroco D. Reginaldo Mattioli, di S. Tommaso in Parione, fu da me incontrato più volte di notte travestito; lo ammonii a non esporsi così al pericolo; poi lo avvisai che un tale si era vantato di volerlo uccidere, e gli dissi che chi lo minacciava era uomo da mantenere la parola; mi rispose ch'egli non temeva nessuno: forse andava armato, io non lo so. Ma pochi giorni dopo lo seppi malato di emottisi; era stato bastonato co' sacchetti di sabbia. Egli però si ostinò a non voler dire cosa gli era accaduto, e non volle accusare nessuno. Tuttociò accade perchè i parrochi devono essere ministri di polizia nella loro parrocchia.

Vai ad inizio pagina.

« Nota precedente | Lettera | Nota successiva »