Home > Per non dimenticare > Roma Papale > Lettera ottava

Il crocchio

Nota 9. alla lettera ottava di Roma Papale 1882

Il crocchio italianamente significa una adunanza privata di più persone fatta nello scopo di parlare fra loro. I parrochi di Roma si raunano a crocchio ogni giovedì mattina, eccettuati i giovedì di quaresima. Il crocchio si fa per turno nella casa di uno di loro, ed è distribuito in modo che ogni parroco debba ricevere i suoi colleghi una volta all'anno. Quello nella casa del quale si fa il crocchio deve dare a tutti i suoi colleghi la colezione, che consiste in caffè, latte e cioccolata. Nel crocchio non sono ammessi altri, benchè preti, che non sieno parrochi. In essi si dànno e si ricevono scambievolmente tutte le informazioni riguardo alle donne di cattiva vita che da una parrocchia passano ad un'altra, riguardo a persone sospette o sconosciute; qualche volta si parla anche del come regolarsi in alcuni casi parrocchiali. Questa istituzione è buona; essa serve a mantenere i parrochi in comunicazione fra loro; e, se essa fosse diretta ad uno scopo spirituale, potrebbe essere utilissima.
Vai ad inizio pagina.

« Nota precedente | Lettera | Nota successiva »