Home > Per non dimenticare > Roma Papale > Lettera settima

Porta Pia

Nota 2. alla lettera settima di Roma Papale 1882

La Porta Pia prese il suo nome da Pio IV, il quale nel 1564 la fece costruire sul disegno di Buonarroti, ma non fu finita. Essa fu sostituita a quella del recinto di Onorio, che stava più a destra e chiamavasi Porta Nomentana. Le mura della città da quella parte, sono gli avanzi del recinto del celebre castrum praetorium, fatto edificare da Sejano ai tempi di Tiberio, ove erano gli alloggiamenti de' Pretoriani, i quali facevano o disfacevano gli imperatori a loro talento. I Gesuiti sottentrarono ai Pretoriani, ed hanno fino a questi ultimi tempi abitata la villa detta il Macao, ove si conservavano ancora le vestigia delle caserme pretoriane. In questi ultimi tempi, Monsignor de Merode e l'angelico Pio IX si sono combinati co' Gesuiti, i quali han ceduto l'antico quartiere de' Pretoriani, e de Merode lo ha ricostruito per farne caserma de' Zuavi papali, che in quella abitazione sono succeduti ai Gesuiti, ed i Gesuiti ai Pretoriani.

« Nota precedente | Lettera | Nota successiva »