Home > Per non dimenticare > Roma Papale > Lettera seconda

Unità protestante

Nota 8. alla lettera seconda di Roma Papale 1882

Tutte le Chiese protestanti ammettono per unica regola di fede e di condotta la Bibbia; per unico capo della Chiesa Gesù Cristo, Dio manifestato in carne. Quindi tutte le Chiese protestanti, sebbene diverse nelle forme, siccome sono una sola cosa nelle dottrine essenziali, formano una sola Chiesa, la Chiesa cristiana, e si uniscono tutte insieme su quelle basi nell'alleanza evangelica. Le sole Chiese che dissentono da que' principii, e che per conseguenza non si riuniscono nell'alleanza evangelica, sono i Mormoni, gl'Invirgiani, i Sociniani, i Puseiti, i Plimuttisti. I Mormoni oltre la Bibbia ammettono le pretese rivelazioni del loro preteso profeta Smith; e poi sono una setta immorale che predica ed esercita la poligamia su vasta scala. Gl'Irvingiani oltre la Bibbia ammettono le rivelazioni de' pretesi loro profeti. I Sociniani non ammettono la divinità assoluta del Signor nostro Gesù Cristo, e quindi mancano della base del Cristianesimo. I Puseiti oltre la Bibbia ammettono l'autorità delle tradizioni e della antica Chiesa, e non riconoscono facilmente per cristiani coloro che non hanno una gerarchia ecclesiastica, ed una pretesa successione apostolica. I Plimuttisti, per il loro farisaico fanatismo, si credono essi soli la vera Chiesa, e quindi non vogliono unirsi con gli altri neppure sul terreno comune del Cristianesimo. Tutte queste sette sdegnano il nome di protestanti, e quindi si separano dal Cristianesimo biblico, per fare setta a parte. La Chiesa romana, mentre odia i Protestanti che stanno su Cristo e sulla Bibbia, accarezza i Puseiti, e guarda con indifferenza le altre sette, che, essendo piccole frazioni e discordi fra loro, non possono farle danno alcuno.
Vai ad inizio pagina.

« Nota precedente | Lettera | Nota successiva »