Domande sul giudizio degli angeli da parte dei santi

Home > Dottrina > Escatologia > Domande sul giudizio degli angeli da parte dei santi

Che cosa significa che i santi giudicheranno il mondo e gli angeli (cfr. 1 Cor. 6:2-3)?

Che i santi giudicheranno il mondo significa che in quel giorno Dio concederà ai suoi santi di giudicare le nazioni, ossia di eseguire su loro il giudizio da Lui scritto, questo infatti è l'onore che hanno tutti i suoi fedeli. Questo lo si evince da quanto troviamo scritto nei Salmi: "Esultino i fedeli adorni di gloria, cantino di gioia sui loro letti. Abbiano in bocca le alte lodi di Dio, e una spada a due tagli in mano per far vendetta delle nazioni e infligger castighi ai popoli; per legare i loro re con catene e i loro nobili con ceppi di ferro, per eseguir su loro il giudizio scritto. Questo è l'onore che hanno tutti i suoi fedeli. Alleluia" (Sal. 149:5-9). In particolare, i dodici apostoli del Signore giudicheranno le dodici tribù d'Israele infatti Gesù disse loro: "Io vi dico in verità che nella nuova creazione, quando il Figliuol dell'uomo sederà sul trono della sua gloria, anche voi che m'avete seguitato, sederete su dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele" (Matt. 19:28).

Che i santi giudicheranno gli angeli significa che i santi giudicheranno tutti quegli angeli che si sono ribellati a Dio, che sono sia quelli che non serbarono la loro dignità primiera ma lasciarono la loro propria dimora per commettere fornicazione con le figlie degli uomini (cfr. Giuda 6; Genesi 6:1-2), i quali angeli sono serbati da Dio in catene nelle tenebre in attesa del giudizio (cfr. 2 Piet. 2:4); e sia quegli angeli che quando Satana si ribellò a Dio lo seguirono e sono tuttora al suo servizio e seguito (cfr. Matt. 25:41; Apoc. 12:7). Ovviamente anche in questo caso, il giudizio che i santi eseguiranno sarà quello decretato da Dio.

Che cosa sono le potenze che sono nei cieli e che Gesù disse saranno scrollate (cfr. Matt. 24:29; Marco 13:25; Luca 21:26)?

Sono delle entità spirituali malvagie che si trovano nei luoghi celesti, ossia delle forze spirituali malvagie che sono in cielo. L'apostolo Pietro ne parla quando dice che Gesù è alla destra di Dio dove angeli, principati e potenze gli sono sottoposti (cfr. 1 Piet. 3:22). Sono anche chiamate potestà, Paolo dice che Cristo ha trionfato su di esse per mezzo della croce (cfr. Col. 2:15), e che il nostro combattimento è anche contro di esse (cfr. Ef. 6:12).

Il fatto che queste potenze nei cieli saranno scrollate vuol dire che esse si abbatteranno sulla terra ed anche questo contribuirà ad accrescere l'angoscia degli uomini. Nell'Apocalisse è menzionato un evento che si verificherà poco prima del ritorno dal cielo di Cristo e che ci fa capire bene che cosa avverrà quando le potenze che sono nei cieli saranno scrollate: si tratta dello scaraventamento di Satana e dei suoi angeli sulla terra. Ecco cosa dice Giovanni: "E vi fu battaglia in cielo: Michele e i suoi angeli combatterono col dragone, e il dragone e i suoi angeli combatterono, ma non vinsero, e il luogo loro non fu più trovato nel cielo. E il gran dragone, il serpente antico, che è chiamato Diavolo e Satana, il seduttore di tutto il mondo, fu gettato giù; fu gettato sulla terra, e con lui furon gettati gli angeli suoi. Ed io udii una gran voce nel cielo che diceva: Ora è venuta la salvezza e la potenza ed il regno dell'Iddio nostro, e la potestà del suo Cristo, perché è stato gettato giù l'accusatore dei nostri fratelli, che li accusava dinanzi all'Iddio nostro, giorno e notte. Ma essi l'hanno vinto a cagion del sangue dell'Agnello e a cagion della parola della loro testimonianza; e non hanno amata la loro vita anzi l'hanno esposta alla morte. Perciò rallegratevi, o cieli, e voi che abitate in essi. Guai a voi, o terra, o mare! Perché il diavolo è disceso a voi con gran furore, sapendo di non aver che breve tempo" (Apoc. 12:7-12).

Butindaro Giacinto


Vai ad inizio pagina.