Pregare Dio più di una volta riguardo a qualche cosa è una mancanza di fede?

Home > Dottrina > La Chiesa > Pregare Dio più di una volta è mancanza di fede?

No, non è una mancanza di fede tanto è vero che Gesù Cristo – che mai per un solo momento dubitò del Padre suo - quando fu nel Getsemani poco prima di essere arrestato pregò tre volte il Padre, ripetendo le medesime parole in tre momenti diversi della serata. Ecco quello che dice Matteo a riguardo: "E andato un poco innanzi, si gettò con la faccia a terra, pregando, e dicendo: Padre mio, se è possibile, passi oltre da me questo calice! Ma pure, non come voglio io, ma come tu vuoi. Poi venne a' discepoli, e li trovò che dormivano, e disse a Pietro: Così, non siete stati capaci di vegliar meco un'ora sola? Vegliate ed orate, affinché non cadiate in tentazione; ben è lo spirito pronto, ma la carne è debole. Di nuovo, per la seconda volta, andò e pregò, dicendo: Padre mio, se non è possibile che questo calice passi oltre da me, senza ch'io lo beva, sia fatta la tua volontà. E tornato, li trovò che dormivano perché gli occhi loro erano aggravati. E lasciatili, andò di nuovo e pregò per la terza volta, ripetendo le medesime parole" (Matt. 26:39-44). Marco conferma ciò dicendo: "E andato un poco innanzi, si gettò a terra; e pregava che, se fosse possibile, quell'ora passasse oltre da lui. E diceva: Abba, Padre! ogni cosa ti è possibile; allontana da me questo calice! Ma pure, non quello che io voglio, ma quello che tu vuoi. E venne, e li trovò che dormivano, e disse a Pietro: Simone, dormi tu? non sei stato capace di vegliare un'ora sola? Vegliate e pregate, affinché non cadiate in tentazione; ben è lo spirito pronto, ma la carne è debole. E di nuovo andò e pregò, dicendo le medesime parole. E tornato di nuovo, li trovò che dormivano perché gli occhi loro erano aggravati; e non sapevano che rispondergli. E venne la terza volta, e disse loro: Dormite pure oramai, e riposatevi! Basta! L'ora è venuta: ecco, il Figliuol dell'uomo è dato nelle mani dei peccatori. Levatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce, è vicino" (Mar. 14:35-42).

Anche dell'apostolo Paolo si dice che pregò tre volte Dio chiedendo la medesima cosa e precisamente l'allontanamento da lui dell'angelo di Satana che lo schiaffeggiava. Ecco cosa dice lui stesso ai Corinzi: "E perché io non avessi ad insuperbire a motivo della eccellenza delle rivelazioni, m'è stata messa una scheggia nella carne, un angelo di Satana, per schiaffeggiarmi ond'io non insuperbisca. Tre volte ho pregato il Signore perché l'allontanasse da me; ed egli mi ha detto: La mia grazia ti basta, perché la mia potenza si dimostra perfetta nella debolezza" (2 Cor. 12:7-9).

Butindaro Giacinto


Vai ad inizio pagina.